produzioni collaborazioni

Vietato oltrepassare la linea gialla [2016]

Spettacolo finalista di inCorto Teatrale 2015 (Roma)
Premio come Migliore Attrice per InCorto Teatrale 2015 (Roma)

Motivazione della giuria presieduta da Lydia Biondi: L'attrice ha dato vita a una serie di personaggi molto diversi tra loro ma tutti ben caratterizzati, con talento, padronanza, vivacità, grande comunicativa verso il pubblico e una matura presenza scenica.

di e con
Debora Mattiello
co-produzione
IF Prana 

Cosa fai stamani?”
Ho deciso. Parto.”
Anch'io”
Eppure ci dimenticheranno...”
Hai con te i documenti?”
Sì, dovessi perdermi...”

Note di Debora Mattiello

I personaggi, come apparizioni, si presentano, arrivano per partire, eppure vogliono disegnare una loro biografia, lasciare un segno, dire di sé, prima che sia troppo tardi, prima che la vita scoppi, prima che un luogo di partenze diventi un buco, una voragine, dove fermarsi per sempre. Una serie di personaggi, assurdi, grotteschi e malinconici, buffi figli di una quotidianità distratta, crudele e cinica, disegnano un affresco popolare, ironico e drammatico. 

Siamo all'interno di una sala d'aspetto di una grande stazione, in un giorno d'estate… forse. Capita di sentirci piccoli, minuscoli, ma padroni. Padroni della parte millesimale delle scale del condominio, della macchina pagata a rate, padroni della rata stessa, del mutuo conquistato a suon di ipoteche, della libreria montata a suon di bestemmie e dei libri, che non abbiamo mai aperto, ma che sono nostri (ci sta pure la dedica!), padroni dei souvenirs (la gondola, il centrino, la Torre di Pisa, la Tour Eiffel e, se ci fosse, avremmo pure il plastico di una villetta… per sentirci parte di qualche salotto della TV, quella pubblica, quella della quale dovremmo essere padroni); padroni della propria inettitudine.

Guardiamo la nostra vita dall’oblò dell’ombelico, ci sembra pure di scegliere e di decidere quando e come e se… eppure… Eppure poi, improvvisamente, arriva lo smacco. Non siamo i padroni di niente e perdipiù non siamo soli, su questa terra. La nostra piccola storiella quotidiana perde i confini, si sfuma, si confonde con quella grande dell’umanità e, se ci guardiamo intorno, fuori dal nostro territorio, le nostre paure sono anche quelle degli altri, di chi abita in un’altra scala o in un altro paese.

Peccato che spesso questo avvenga solo quando qualcosa di terribile ci mette tutti sullo stesso piano e ci rende vittime. Così la Grande Storia ci ricorda che siamo parte di una umanità. 

Primo studio: Massarosa (LU), Palc8 Rassegna di Teatro in Casa – 21/05/2016


Scheda Artistica - Scheda Tecnica scaricabili in pdf