eventi workshop e attività

Quin

drammaturgia Laura Fatini
con Valentina Bischi
produzione Arrischianti

Un monologo che indaga sul concetto di bellezza per le donne. L’autrice è partita dalle testimonianze di alcune carcerate sul loro modo di abitare la cella, su come cucinare un ciambellone, lisciarsi i capelli e altre azioni quotidiane.

“Perché la donna ha bisogno di cucinare un ciambellone in carcere? Perché non si rassegna a mangiare ciò che le danno? E perché e per chi lisciarsi i capelli?


Da queste riflessioni è nato questo monologo sulla bellezza e i vari significati che ha nella vita di una donna, testo che la Fatini presenta affindando le sue parole a Valentina Bischi, un’attrice conosciuta per il suo teatro di narrazione: le due artiste si sono conosciute durante gli studi liceali, e hanno lavorato insieme in alcuni spettacoli di Carlo Pasquini, ma mai hanno avuto l’opportunità di lavorare da sole.